Autismo, casi in aumento

Autismo, casi in aumento

Sono in aumento rispetto al passato i casi di autismo, si stima in Italia una prevalenza di almeno 1 bambino su 77 (nella fascia di età 7-9 anni) che presenta un disturbo dello spettro autistico con una prevalenza maggiore nei maschi (4,4 maschi ogni 1 femmina). Questi risultati indicano la necessità di incrementare i servizi educativi, sanitari e sociali per l’autismo; parallelamente migliorare l’organizzazione delle risorse a supporto delle famiglie. La cosa più importante è quella di informare e formare sempre più persone nelle varie comunità in modo da condurre degli interventi efficaci nel tempo.

Ma qual è un limite e allo stesso tempo una risorsa per il nostra paese? Uno fra questi è il numero degli analisi del comportamento certificati e loro assistenti, che sebbene sia aumentato negli ultimi anni (oggi 178 presenze in Italia) rimangono una risorsa a macchia di leopardo che spinge le famiglie a trasferimenti con conseguenti difficoltà di adattamento familiare. In alternativa tale fenomeno è arginato dalle famiglie affidandosi a professionisti in formazione oppure, nel peggiore dei casi, a percorsi non validati dalla comunità scientifica. Il nostro gruppo di ricerca ha indagato il fenomeno per il nord, centro e sud Italia rilevando delle differenze e alcune criticità. Specialmente nel centro Italia e in qualche regione anche del sud, ma non solo, c’è un bisogno urgente di personale specializzato che possa rispondere a una domanda di cura sempre più crescente.

 . 

Presso il centro una breccia nel muro ci avvaliamo tutti i giorni di almeno tre analisti del comportamento certificati e da un folto numero di professionisti in formazione con una ricca esperienza già acquisita nei diversi anni. La cooperativa una breccia nel muro servizi si posiziona quindi come un riferimento per le regioni Lazio e Campania dove sono presenti i nostri centri sull’autismo, ma non solo, poiché i nostri consulenti danno aiuto anche in altre regioni d’Italia.

Articolo realizzato da Marco Esposito

No Comments

Post A Comment