Comunità Laudato si’ a Rieti

settembre-2019-articolo-2

Un polo per l'autismo e un complesso residenziale con un laboratorio-caffetteria: è il progetto sottoscritto insieme da Chiesa di Rieti, Fondazione Varrone e Ater Rieti, con il patrocinio della Regione Lazio. A presentare l'iniziativa è Nunzio Virgilio Paolocci, della Comunità Laudato si' Rieti 1 e del Centro per l'autismo Sant'Eusano.

"Il fatto di essere una Comunità Laudato si' – afferma Paolucci - ci ha spinto verso questo obiettivo. Sarà un polo fortemente legato ai valori dell'enciclica, ecologista nella misura in cui si inizia a pensare che l'autismo non abbia una natura genetica, ma anche ambientale. In sole due generazioni è successo qualcosa di straordinario, in negativo: dal dato di quattro bambini autistici ogni diecimila si è arrivati a uno ogni cento, così come accaduto con altri tipi di disturbi come la celiachia, la dislessia". Il Centro Sant'Eusanio opera a sostegno dei ragazzi con difficoltà dal 2013, e grazie a questa nuova intesa si trova ora nella condizione di poter sviluppare ulteriormente i suoi servizi, rafforzandosi e espandendo la propria presenza in due nuove strutture: una comunità residenziale che prenderà il nome di Comunità Laudato si' e un laboratorio-caffetteria aperto al quartiere. Novità pensate per allargare i servizi già offerti a vantaggio delle persone con disturbi legati all'autismo appartenenti alla fascia dell'età adulta.

"La Chiesa di Rieti – afferma il vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili – mette a disposizione di questo Centro un ulteriore tassello costituito da nuovi locali. Spazi che diventeranno residenziali: un vero cambio di passo di questa esperienza che segna una presa in cura delle persone affette da autismo, perché una struttura residenziale diventa un risvolto concreto per le famiglie e per chi vive in generale queste problematiche. Il progetto fa riferimento alla Laudato si' come impegno educativo e sociale". Nell'ex chiesa di via delle Stelle, immobile di proprietà dell'Ater di Rieti, prenderà inoltre vita un laboratorio-caffetteria. Significativo anche il ruolo giocato dalla Fondazione Varrone, illustrato dal presidente Antonio D'Onofrio: "penso che la parte preziosa di questo progetto sia l'unione di intenti di realtà diverse. Questo è un piccolo passo avanti, ma credo dovrebbe essere di esempio per la capacità di welfare sociale che possiamo mettere in piedi: ognuno di noi può mettere un piccolo pezzetto a servizio di chi soffre".

Agensir.it

Giovanni e Gabriele, l’identità invisibile
A rischio bullismo di fratelli e compagni
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy