Condannata la Asl che non paga le terapie ABA

dicembre-2018-articolo-3

Le cure Aba per l'autismo vanno garantite ai bambini e pagate dal Servizio sanitario nazionale. Il Tribunale civile di Roma, con ordinanza del 9 ottobre 2018, ha accolto il ricorso avanzato da una coppia di genitori di un bambino di 5 anni affetto da autismo, costretti a rivolgersi a Centri privati data l'inadempienza del Ssn,

Il giudice ha condannato la Asl di appartenenza (Asl 2 di Roma) a sostenere le spese relative alle cure ricevute da terzi pari a 40 ore settimanali di terapia ABA per 48 mesi.
L'ABA sta per Applied Behaviour Analysis, cioè Analisi del Comportamento Applicata e si basa sull'uso dei principi della scienza del comportamento per la modifica di comportamenti socialmente significativi.
Le linee guida ministeriali sull'autismo adottate dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità raccomandano l'utilizzo del metodo ABA nel trattamento dei bambini con disturbi dello spettro autistico stante l'evidenza scientifica della metodologia.
Il D.Lgs. 502/1992 all'art. 1 stabilisce che "Il Servizio sanitario nazionale assicura, attraverso risorse pubbliche…omissis… i livelli essenziali e uniformi di assistenza definiti dal Piano sanitario nazionale" e al comma 7 "Sono posti a carico del Servizio sanitario le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che presentano, per specifiche condizioni cliniche o di rischio, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, a livello individuale o collettivo, a fronte delle risorse impiegate".

Ne consegue, secondo il Tribunale di Roma, "che il requisito imprescindibile dell'erogazione da parte del Servizio Sanitario della prestazione richiesta e/o il diritto al rimborso delle spese sostenute per la prestazione sia l'evidenza scientifica di un significativo beneficio in termini di salute".
Pertanto, partendo proprio dai suddetti dati normativi, secondo il Giudice "si può certamente affermare che sussista, nel caso de quo, il diritto del minore, affetto da autismo, all'erogazione, da parte del Servizio Sanitario Nazionale, di un trattamento cognitivo comportamentale modello ABA, trattandosi di prestazioni sanitarie per le quali sussistono evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, come accertato dalle Linee guida sul trattamento dei disturbi dello spettro autistico".
Il giudici hanno inoltre stabilito che il bambino debba seguire 40 ore di terapia settimanali per 48 mesi almeno, contro le 10 ore settimanali di terapia che il bimbo ha eseguito fino ad oggi.
Il giudice ha quindi condannato la Asl di appartenenza a sostenere le spese future del bambino per le terapie Aba, nel dettaglio pari a 40 ore settimanali di terapia ABA per 48 mesi, cioè per tutto il periodo di cura giudicato necessario. Per il giudice non è invece possibile accogliere la richiesta di rimborso delle spese già sostenute "in quanto tale richiesta deve essere effettuata mediante ricorso ordinario, essendo totalmente priva del requisito periculum in mora, trattandosi di risorse già corrisposte dai ricorrenti alle strutture che curano il minore e non avendo allegato essi ragioni irreparabili che giustifichino l'immediatezza di tale rimborso".

quotidianosanità.it, 12 ottobre 2018

Corso RBT per tecnico comportamentale registrato
Atelier delle Autonomie a Roma e a Salerno
Golf, risultati di un’esperienza
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy