Cyberbullismo e l’impegno nelle scuole

marzo-2019-articolo-6

 "Purtroppo non ci sorprende – scrive Davide Del Duca, direttore di Bambini e autismo di Pordenone – la vicenda di cyberbullismo ai danni di un ragazzo autistico a Udine, emersa nelle scorse settimane alla cronaca. Le persone con autismo, infatti, sono vittime potenziali perfette di atti di bullismo, Bisogna continuare a diffondere nelle scuole una cultura di inclusione".

Da anni ci stiamo occupando dell'argomento "autismo e bullismo", grazie a un progetto sostenuto dalla Fondazione Friuli, che ci ha dato la possibilità di entrare in moltissime scuole della nostra Regione, per formare e informare su questo tema delicato, lavorando assieme a insegnanti e studenti.
Le persone con autismo infatti, e in particolare quelle cosiddette "ad alto funzionamento", che grazie alla loro autonomia spesso non hanno il sostegno di un educatore, sono vittime potenziali perfette di atti di bullismo, poiché faticano a destreggiarsi nelle relazioni, a comprendere le reali intenzioni del prossimo, l'ironia, i doppi sensi, o anche semplicemente non sanno raccontare quello che stanno vivendo. È facile quindi immaginare non solo come possano essere indifese di fronte ad atti di bullismo o a dinamiche di esclusione più o meno volontarie, ed è anche facile immaginare le particolari difficoltà che possono avere a interpretare quanto sta loro accadendo e a chiedere aiuto.

Per contribuire a dare risposte concrete a questo problema, dal 2016 ad oggi abbiamo formato su questo tema specifico più di 470 insegnanti e 416 studenti di scuole di ogni ordine e grado su tutto il territorio regionale, per un totale di 34 diversi istituti. Abbiamo lavorato per creare consapevolezza, diffondere una cultura di inclusione e dare strumenti operativi concreti, soprattutto per costruire attorno al compagno autistico una rete solidale di pari, che possa attivarsi di fronte a un eventuale atto di bullismo.
Molto è stato fatto, dunque, ma la cronaca ci dimostra che non bisogna smettere e continuare nella strada intrapresa. Ci auguriamo quindi che sempre più scuole si attivino in questo senso.

Davide del Duca, direttore della Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone.

Superando.it

Donaci il tuo cinque per mille: 11605511002
Editoriale: Tecnologie per l’autismo
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy