Domenica su un campo di calcio

Domenica-su-un-campo-di-calcio

Un'occasione per stare insieme, per conoscersi, per giocare e divertirsi, per condividere le esperienze fra famiglie spesso stanche, affannate, appesantite, ma "speciali", perché sempre pronte ad affrontare ogni nuovo giorno con la voglia di progredire. Questa è stata per Breccia la domenica 8 aprile.

È stata una domenica vissuta insieme dai bambini, dalle famiglie e dagli operatori di Una breccia nel muro di Roma e di Salerno. "Abbiamo organizzato questa giornata per creare un ponte tra i Centri 'Facciamo breccia' delle due città e tra le famiglie che hanno scelto di fare un percorso con noi. È bello vedere i bambini divertirsi e le famiglie incontrarsi in una quotidianità diversa dalla solita", dice Paola Postiglione, psicologa e referente organizzativa del centro salernitano. "É stata una bellissima occasione di incontro tra i centri gemelli di Roma e Salerno, che, distanti nello spazio, portano avanti in modo coordinato i rispettivi progetti e l'azione di cura in favore dei bambini con disturbo dello spettro autistico".

Le parole di Tiziana, una delle mamme del centro salernitano, raccontano bene il significato di questa domenica insieme: "Giornata meravigliosa, trascorsa tra giochi, risate e divertimento. È in queste incantevoli giornate che per un po' ci si dimentica dell'autismo e dei suoi piccoli ed enormi limiti". Effettivamente, la giornata ha dato ai bambini e ai loro genitori e fratelli la possibilità di divertirsi liberamente, partecipando a giochi e attività preparati per loro sul campo dello stadio Figliolia di Baronissi, in provincia di Salerno. È cominciato con i giocatori della squadra locale di prima categoria, Olympic Salerno, che sono entrati in campo tenendo per mano i bambini della Breccia nel muro per giocare la partita contro il Giffoni Sei Casali. A chi sa poco sull'autismo questo può sembrare semplice e naturale; ma non è così. Perciò, famiglie e operatori hanno guardato con soddisfazione e gioia i bimbi, tutti nelle loro magliettine gialle, dare la mano agli atleti e camminare insieme verso il centro del campo, con serenità e compostezza, sotto il sole caldo e splendente che la giornata ha regalato.

Durante la partita, nel campetto accanto a quello principale, i bambini hanno continuato a giocare e a comporre un puzzle gigante, passandosi i pezzi e scoprendo, costruendola pezzo dopo pezzo, l'immagine di un girotondo e la scritta "insieme", espressiva non soltanto dell'incontro di Olympic con Breccia, ma dello stare insieme delle famiglie, condividendo esperienze e sentimenti.

Al termine della partita, la giornata è proseguita nel Centro "Facciamo breccia" di Salerno. I bambini si sono divertiti nello spazio giochi esterno e nella palestra. Poi tutti a pranzo organizzato da Breccia nel cortile - genitori, bambini, fratellini, amichetti, nonni, operatori e staff - per consolidare la rete di conoscenza e condivisione avviata la mattina. Si è creato, in modo sorprendente, un clima di serenità, gioia e voglia di vivere: una giornata "spensierata" che non capita sempre alle famiglie. Così la descrive Augustina, una mamma del Centro di Roma, su Facebook: "Oggi il Centro di Breccia a Salerno ci ha accolti e ospitati insieme a tante altre famiglie. Un'avventura che ci ha regalato tanti sorrisi e ci ha fatto tornare a casa più forti di ieri".

Di questa forza in più, regalata da una giornata di sport, divertimento e conoscenza, si deve gioire, insieme.

Serena Caracciolo, psicoterapeuta, Centro "Facciamo Breccia" di Salerno 

Di autismo si può, anzi si deve ridere
Donaci il tuo cinque per mille: 11605511002
Io, mia figlia e lo sport
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy