Editoriale due: Caro Grillo, mio figlio Matteo è autistico

dicembre-2018-articolo-16

Questo non è un post politico. Come credo, caro Beppe Grillo, le tue parole non volessero avere il significato che gli abbiamo dato (o almeno voglio sperarlo).

Guardo la cameretta di Matteo, i suoi giochi e tutto il materiale che usa e usiamo assieme a lui per aiutarlo a uscire dal suo isolamento. Penso ai suoi compagni di scuola, alle sue maestre, ai suoi terapisti. Penso a tutte le persone che lo conoscono e che gli vogliono bene. Penso a me, alla sua mamma. Penso a lui, che ti guarderebbe e ti direbbe "ciao", senza preconcetti, senza pregiudizi.

Penso a quanto impegno ci mette nel buttare giù ogni giorno un mattoncino di quel grande muro che lo separa da noi. Vorrei che sentissi quando piange, probabilmente infelice perché non riesce a comunicarci cosa pensa o cosa vuole. Perché gli autistici, caro Beppe, sono persone che soffrono, quanto e più di noi. E allora perché tirarli in ballo in discorsi che non li aiutano ad alleviare il loro dolore? Perché prendersela con loro? Perché? Non sai quante piccole e grandi continue battaglie quotidiane dobbiamo affrontare per farli riconoscere come persone.

C'è tanta strada da percorrere per superare i pregiudizi, l'indifferenza e l'ignoranza e dar loro un futuro migliore, nel quale si sentano meno soli di quanto siano ora. Perché gli autistici sono soli. Lontanissimi da quella piazza dove parlavi. Anzi, loro hanno paura del troppo rumore e dei posti troppo affollati.

Gli autistici però - assieme alle loro mamme e ai loro papà - non hanno colpa della loro condizione. E fra le poche cose che chiedono c'è, al primo posto, quella di non essere giudicati e di non farsi beffe di loro, perché così è facile, come è facile per i vigliacchi prendersela con i più deboli. Questi ragazzi spesso non parlano, ma quando qualcuno li ferisce, loro te lo fanno capire. È per questo che non possiamo restare in silenzio. Ed è per questo che le tue parole stanno raccogliendo tanta indignazione.

Suggerisci una correzione.

Marco Sabatini Scalmati, huffingtonpost

Editoriale uno: Il nostro nuovo sito
Su Youtube vincono le bufale sui vaccini
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy