“Il motivo per cui salto”. Un film

dicembre-2020-articolo-13

"Il motivo per cui salto". Un film

Alla quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (ottobre 2020), nella sezione Tutti ne parlano, è arrivato il nuovo documentario "The Reason I Jump" del regista pluripremiato Jerry Rothwell, tratto dal bestseller sull'autismo scritto da Naoki Higashida. Una coinvolgente esplorazione cinematografica sulla neurodiversità raccontata attraverso le esperienze di persone affette da autismo non verbale provenienti da tutto il mondo.

Il film fonde le rivelazioni di Higashida sull'autismo, racchiuse nel libro che scrisse a soli 13 anni, con i ritratti di cinque giovani dalla personalità eccezionale. Il racconto apre uno spiraglio su un universo sensoriale di incontenibile intensità che sconvolge lo spettatore, ma che allo stesso tempo, regala momenti di grandi emozioni. Un filo conduttore scorre fra i momenti di vita quotidiana di questi personaggi, osservati con grande profondità, e li lega ai brani tratti dal libro di Naoki mentre descrive il viaggio del suo protagonista: un ragazzino giapponese autistico che gradualmente scopre il significato della sua malattia, della sua personale percezione del mondo, mettendo a nudo la ragione per cui fa ciò che fa: il motivo per cui salta. Il film fa confluire questi elementi in un una trama ricca di percezioni sensoriali che ci porta a captare il messaggio centrale di Naoki: non sapere parlare non significa non avere niente da dire. […]

Jerry Rothwell, perché hai scelto di raccontare la storia dal bestseller di Naoki Higashida?

"L'idea per il film è venuta dai produttori Stevie Lee e Jeremy Dear, che sono i genitori di un adolescente autistico (Joss, che è nel film). Il libro di Naoki Higashida "The Reason I Jump" aveva trasformato la loro comprensione del figlio e volevano trasformarlo in un film e hanno iniziato a discutere con il mio produttore di vecchia data Al Morrow (che ha anche prodotto Deep Water).

Quando mi è stato chiesto di dirigerlo, ho sentito una forte affinità con il progetto. L'autismo è stato una parte importante della mia vita, sia nella mia famiglia allargata che nel mio lavoro. Negli anni novanta ho avviato progetti di media partecipativi incentrati sui diritti dei disabili e l'autodifesa da parte di persone con difficoltà di apprendimento – e il mio film Heavy Load nel 2008 parlava di una band punk, alcuni dei quali erano autistici. Sono sempre stato infastidito dalla risposta della società alle persone autistiche che non parlano – che sono costantemente sottovalutate con etichette come qualcosa di grave o malfunzionamento', che, oltre a fuorviare la capacità delle persone di pensare e capire, indicano anche una sorta di disperazione che aumenta l'emarginazione.

Il libro non ha una storia lineare: è strutturato come risposte a una serie di 58 domande sull'autismo, intervallate da brevi poesie e favole. È stato impegnativo cercare di lavorare con qualcosa in cui le tue decisioni non erano motivate dal punto di vista narrativo, non erano davvero guidate dalla storia del libro, ma invece da una sorta di dispiegamento o scartamento graduale di un modo diverso di vedere il mondo. Ho dovuto buttare via gli oggetti di scena su cui di solito faccio affidamento, il linguaggio, le testimonianze, la trama e le interviste – cioè tutti strumenti più verbali e logici – e invece optare per qualcosa di diverso e, si spera, più cinematografico".

Quali messaggi vuoi trasmettere al pubblico con questo nuovo documentario?

"Spero che il film possa incoraggiare il pubblico a pensare all'autismo dall'interno, riconoscendo altri modi di percepire il mondo e che quando esci dal film stai forse vedendo le cose un po' attraverso gli occhi dei giovani. Forse potrebbe farti pensare ai modi in cui tutti noi viviamo il mondo in modo diverso e quindi a pensare più profondamente all'idea di neurodiversità.

Una volta riconosciute le capacità delle persone autistiche che non parlano e il modo in cui sono state sistematicamente trascurate, la nostra terribile storia – di istituzionalizzazione, modifica del comportamento, uccisioni – diventa ancora più scioccante. Spero che il film possa svolgere un ruolo per cambiare queste idee sbagliate. L'idea di neurodiversità – che tutti noi percepiamo il mondo in modi sottilmente diversi – è potente e importante, che penso aiuti a costruire i ponti e la solidarietà di cui abbiamo bisogno per un mondo più inclusivo".

Pensi che il problema dell'autismo sia affrontato correttamente dai media? E quali difficoltà sono costretti ad affrontare i bambini autistici nella società di oggi?

"Penso che ci siano alcuni stereotipi comuni sull'autismo che non sono utili. Non credo nell'idea di "esperienza autistica": l'autismo è veramente uno spettro e ci sono molte esperienze autistiche diverse. Spero che il film faccia parte di un cambiamento nel modo in cui vediamo le persone autistiche che non comunicano in modo neurotipico – lontano dalle idee semplicistiche e dannose di "lieve" e "grave", "alto funzionamento" e "basso funzionamento". 'e verso la comprensione della costellazione dei punti di forza individuali e delle sfide che le persone devono affrontare. Sento che tutti noi possiamo identificarci con alcune delle stelle in quella costellazione – e che riconoscerlo può aiutare a costruire solidarietà e supporto per le persone e costruire un mondo più "favorevole all'autismo".

Inoltre, penso che le difficoltà per i giovani autistici siano che le nostre società sono prevalentemente organizzate da e per i neurotipici. Ciò ha portato all'esclusione da alcuni diritti civili fondamentali: istruzione, casa, libertà di movimento, vita sociale".

Nel realizzare il documentario, cosa ti ha sorpreso di più e che ancora non sapevi sull'autismo?

"Gli scritti di Naoki ci provocano a pensare in modo diverso sull'autismo. Le sue descrizioni evocative del vortice di pensieri, sentimenti, impulsi e ricordi che influenzano ogni sua azione sfatano le idee spesso sostenute sullo spettro autistico – che da un lato ci sono i geni e dall'altro gli sciocchi. Penso di aver imparato a vedere i comportamenti esteriori come una risposta a questo sovraccarico sensoriale, piuttosto che come un sintomo della condizione. Noaki descrive una magnifica costellazione di diversi modi di vivere la realtà, che per la maggior parte sono filtrati dal mondo neurotipico. Per un regista, utilizzare i pensieri di Naoki come punto di partenza ha offerto l'opportunità di utilizzare tutto il potenziale del cinema per evocare questi mondi sensoriali intensi in cui il significato è fatto attraverso suoni, immagini e associazioni, oltre che parole".

Durante la realizzazione di "The Reason Jump" in questo periodo di pandemia, hai riscontrato problemi?

"Abbiamo finito il film prima della pandemia, ma questo è un momento incredibilmente strano per rilasciare un film. Siamo stati fortunati a poter lanciare il film al Sundance e abbiamo avuto la migliore apertura possibile. Poi, a metà del nostro secondo festival, il One World Film Festival a Praga, l'evento è stato chiuso a causa del Covid-19 e questa sarà una delle nostre prime proiezioni fisiche da allora".

Secondo te, il mondo del cinema è cambiato dopo il covid-19?

"Spero che non stiamo assistendo alla diminuzione del cinema – di un'esperienza condivisa in uno spazio fisico. Sento che ci sia qualcosa di molto diverso e prezioso nell'esperienza di osservare i sogni nell'oscurità in comune. Sono fiducioso che il cinema sopravviverà perché penso che svolga una funzione di fondamentale importanza per gli esseri umani, ma questi sono tempi duri per tutte le organizzazioni e istituzioni che lo portano sullo schermo".

Marcello Strano, paeseroma.it

Simone, amico dei lupi
Io, mia figlia e lo sport
Io, mia figlia e lo sport
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy