La guerra per gli ucraini con autismo

La-guerra-per-gli-ucraini-con-autismo

Aggiornamenti dalla Casa della Misericordia, la struttura per persone con disabilità sostenuta dalla fondazione Don Gnocchi: "Tutti al piano terra, giorno e notte, per poter scendere in rifugio al suono delle sirene, sempre più frequenti. Impatto durissimo per minori con disabilità mentale e cognitiva e disturbi dello spettro autistico"

La palazzina ha quattro piani, quasi cinque, ma "si usa solo il piano terra, giorno e notte, da quando è iniziato il conflitto. Gli spazi sono stati riorganizzati per l'emergenza, in modo da essere pronti per scendere in rifugio appena suonano le sirene antiaeree, come è successo con sempre maggior frequenza negli ultimi due giorni": è quanto ci riferisce la fondazione Don Gnocchi, a cui Redattore Sociale chiede costantemente aggiornamenti sulla Casa della Misericordia, in Ucraina. "La struttura è una palazzina di quattro piani, con un quinto piano in fase di ultimazione. La Fondazione Don Gnocchi negli anni infatti ha cofinanziato interventi di ammodernamento infrastrutturale, per garantire la piena accessibilità della struttura. Sono state realizzate pedane, scivoli ed è stato costruito un ascensore".

Ora, però, si può stare solo al piano terra:30 minori con disabilità risiedono ancora qui, insieme a tre persone dello staff e 40 adulti con bambini. "Facciamo i conti con un grave problema della mobilità, chiaramente gravissimo per persone con disabilità motoria in questa situazione emergenziale. Altrettanto grave e preoccupante è l'impatto su persone e soprattutto minori con disabilità mentale e cognitiva, soprattutto su chi soffre di disturbi dello spettro acustico: parliamo di bambini e ragazzi che sono particolarmente sensibili ai rumori forti, come sirene e urla, così come alla folla. In questo momento, sono costretti a rifugiarsi per molte ore al giorno in ambienti affollati, sconosciuti, bui, accampati anche in 30 in una stanza. Dalla Casa, ci raccontano di bambini che per la paura non vogliono assolutamente scendere in rifugio e hanno delle crisi. La situazione è difficilissima, per tutti ma per questi bambini ancor di più". A questo, naturalmente, si aggiunge la grande paura: "Altre strutture civili in altre parti del Paese sono state colpite, non possiamo mettere a repentaglio l'incolumità delle persone all'interno della struttura favorendone la geolocalizzazione": è il motivo per cui non possiamo fornire ulteriori dettagli sulla struttura e sulla sua collocazione.

Redattore sociale 

Il ragazzo al pianoforte
PizzAut lancia la pizza No War
Golf, risultati di un’esperienza
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy