Linee guida anche per gli adulti

dicembre-2018-articolo-8

L'Istituto Superiore della Sanità è al lavoro per redigere le nuove Linee Guida per il disturbo dello spettro autistico, che saranno pronte nel giro di un anno e mezzo. Per la prima volta ci saranno raccomandazioni distinte per bambini e adolescenti e per adulti, rispondendo così alla storica critica per cui "a 18 anni gli autistici spariscono".

"Queste Linee Guida vogliono completare, arricchire e perfezionare un processo avviato nel 2011 con l'elaborazione della prima Linea Guida Istituto Superiore della Sanità (ISS) sull'autismo ampliando il concetto di rete, fondamentale per il percorso di diagnosi e cura di questo disturbo", si legge sul sito dell'ISS.

Le nuove Linee Guida saranno redatte dall'ISS attraverso il Sistema Nazionale delle Linee Guida e serviranno a formulare diagnosi accurate nei bambini e negli adulti, riconoscere i casi e indirizzarli al trattamento, indicare terapie personalizzate a seconda delle caratteristiche individuali della persona, creare una rete di sostegno e assistenza, favorire l'interazione tra medico, paziente e familiari, rendere omogenea tra le regioni la qualità delle cure. L'introduzione del tema della diagnosi e l'estensione delle raccomandazioni all'età adulta è senza dubbio la principale novità. Le raccomandazioni saranno rese pubbliche, insieme alle evidenze scientifiche prodotte dai centri di revisione sistematica su un sito web dedicato, liberamente accessibile e consultabile. La prima raccomandazione è attesa entro la fine dell'anno.

«Con queste nuove linee guida, dice Francesco Nardocci – coordinatore delle Linee Guida per l'età evolutiva – si vuole promuovere il coinvolgimento sinergico di una rete di professionisti sanitari, educativi e dei familiari fondamentale sia per riconoscere i segnali e quindi fare la diagnosi prima dei tre anni, sia per iniziare più precocemente possibile il trattamento». Per quanto riguarda gli adulti, tra gli obiettivi, c'è quello dell'uniformità delle cure e dell'assistenza: «Le Linee Guida – dice Corrado Barbui, coordinatore delle Linee Guida per gli adulti – sono rivolte a tutti gli operatori sanitari, con l'obiettivo di migliorare il riconoscimento dei casi di disturbo dello spettro autistico negli adulti e offrire indirizzi per uniformare l'offerta dei servizi erogati sul territorio nazionale e migliorarne la qualità».

A coordinare tutta l'attività per la componente metodologica è stato chiamato il Prof. Holger Schunemann, Direttore Cochrane Canada e del Centro GRADE dell'Università McMaster (Canada) e per la componente scientifica il Prof. Francesco Nardocci, neuropsichiatra infantile, già presidente della Società Italiana della neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (SINPIA) e il Prof. Corrado Barbui, psichiatra e Direttore del Centro Collaboratore dell'OMS per la Ricerca e la Formazione in Salute Mentale e la valutazione dei servizi dell'Università di Verona e del Centro Cochrane.

Per ogni Panel sono stati selezionati 14 esperti «con chiara e documentata esperienza (non meno di 5 anni) nel campo della diagnosi e trattamento dei bambini/adolescenti e adulti con disturbi dello spettro autistico presso enti/aziende sanitarie appartenenti al servizio sanitario nazionale o ad esso accreditate e 2 membri laici, genitori di persone con disturbo dello spettro autistico o persone nello spettro» (qui i nomi dei componenti dei due panel).

«Evidenza scientifica e rigore metodologico guideranno lo sviluppo delle nuove Linee Guida dell'Istituto», afferma Maria Luisa Scattoni, coordinatrice del Comitato Tecnico-Scientifico. «Adottiamo i migliori standard metodologici per la creazione di Linee Guida su un argomento di alta complessità e impatto sociale», dice Primiamo Iannone direttore del Centro Nazionale Eccellenza clinica, qualità e sicurezza delle cure, «perciò confidiamo nella credibilità e autorevolezza delle raccomandazioni prodotte».

www.vita.it

Mamma Biagina ha ricominciato a studiare
Addio alla legge della Campania
Io, mia figlia e lo sport
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy