Più inclusione per le caregivers

dicembre-2020-articolo-10

Una petizione è stata lanciata al Governo da Noi per l'Autismo su change.org sull'inclusione delle donne caregivers che si occupano delle persone con autismo o con altre disabilità. In tale petizione si chiede di poter scegliere modalità alternative a quelle attuali, come l'assistenza indiretta e la possibilità di avere un insegnante di sostegno a domicilio per la didattica a distanza, e il test salivare molecolare per il monitoraggio del Covid-19.

Le donne, l'autismo e la disabilità hanno attraversato un drammatico periodo a causa del lockdown imposto dal Governo. Misure di contenimento che non hanno lasciato scampo, visti i contagi anche ora in continuo aumento. E a fronte delle misure contenitive, allo stato attuale non esistono misure assistenziali a compensazione per i caregivers, che la maggior parte delle volte sono donne.

Secondo infatti un'indagine condotta da Ipsos per Farmindustria, l'Associazione delle imprese del farmaco aderente a Confindustria, su un campione di donne italiane maggiorenni emerge che nell'86% dei casi è proprio la donna a ricoprire più di due ruoli e compiti, con diversi gradi di intensità. In particolare i bisogni familiari riguardanti la salute, risultano di competenza delle donne, che sono presenti al momento della prevenzione (66%), vegliano sul percorso terapeutico (65%), sono l'interlocutore privilegiato del medico nella fase della diagnosi (58%) e della terapia (59%).

Anche per quanto riguarda la scuola le donne, le mamme, hanno ricoperto il ruolo di -quando era stata resa obbligatoria la DAD (didattica a distanza) a causa della chiusura delle scuole. Questo da un lato ha permesso anche all'alunno con autismo o con altra disabilità di rimanere allo stesso livello dei propri compagni, dall'altro ha però causato nella donna un dispendio di energie e di sacrifici - anche psicologici - senza precedenti, soprattutto se ha dovuto anche lavorare in smart working e occuparsi della famiglia.

Uno scenario replicabile anche per gli uomini, per i papà, ma il più delle volte è la donna a ricoprire più ruoli contemporaneamente senza pensare al rischio di isolamento. Di sicuro un salto all'indietro non da poco, con tanto di schiaffo all'inclusione e alla socializzazione che è preferibile evitare.

Ed ecco perché è nata questa petizione.

Davide Soldani, milanochronicle.it

Addolciamo l’autismo
180 km a piedi verso Francesco
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy