PizzAut. E il basso funzionamento?

PizzAut.-E-il-basso-funzionamento

Lettera aperta di Maurizio Ferrari, papà di una giovane donna con autismo a basso funzionamento, al fondatore di PizzaAut, pizzeria gestita da ragazzi autistici e laboratorio di inclusione sociale. «Se per i giovani con autismo a medio-alto funzionamento c'è bisogno di cento, mille PizzAut, per i giovani a basso funzionamento c'è bisogno di uno sforzo creativo altrettanto grande, se non addirittura di più".

"Caro Nico Acampora, fondatore di PizzAut, scrivo a lei perché la sua iniziativa è quella che conosco meglio, ma potrei rivolgermi anche ai fautori del Tortellante e in generale a tutti gli imprenditori sociali che danno un'opportunità alle persone con autismo e che quindi sono interessati al disegno di legge sulle start up sociali innovative. Il progetto PizzAut è una grande cosa, ma questo lei lo sa già, non ha certo bisogno che glielo dica anch'io.

L'attenzione che il progetto ha ricevuto e continua a ricevere è strameritata. Anche per questo (ma non solo), le chiedo un aiuto, da papà di una giovane donna con autismo a basso funzionamento. Mi aiuta a dire a voce alta, direi altissima, che i ragazzi e le ragazze con autismo non sono tutti come quelli che lavorano a PizzAut? Anzi, che la stragrande maggioranza delle persone, piccole e grandi, che gravitano nello spettro autistico non potrebbe mai e poi mai lavorare nella vostra splendida pizzeria inclusiva? O fare qualunque altro tipo di lavoro?

Forse lei ora spalancherà gli occhi, pensando che le sto chiedendo di unirsi a un'affermazione scontata. O forse no, anche lei magari ha avuto modo di fare il mio stesso ragionamento. Comunque la veda, le assicuro che, anche e soprattutto in questi casi, è indispensabile praticare il distingue frequenter di Sant'Agostino.

Io sento chiarissime le voci di chi dice: "Autismo? Ah, sì, quello che hanno i ragazzi di PizzAut. Beh, dai, sono strani ma sono in gamba, se la cavano alla grande!". Ecco fatto: il meccanismo perverso della generalizzazione confortante è scattato, potente come non mai. Una versione sfumata (neanche tanto) del vecchio abilismo, in base al quale la neurodiversità viene ridotta a bizzarria, e la condizione di vita delle persone con autismo viene vista come "ricca di nuove possibilità".

Qualcosa di vero c'è, intendiamoci, e l'esempio di PizzAut è eclatante a questo proposito. Ma non è sempre così, purtroppo, non è quasi mai così! Come lei sa bene, per moltissimi giovani e meno giovani con autismo lavorare è impossibile. La loro vita si snoda necessariamente tra famiglia e servizi, fino a quando, a un certo punto, arriva a svolgersi interamente nei servizi (residenziali).

Per il sistema socio-sanitario le iniziative come PizzAut sono potenzialmente una manna dal cielo. Ragazzi che, in tutto o in parte, escono dal circuito dei servizi, liberando - nel loro piccolo - risorse pubbliche. Il sistema dei servizi, intanto, resta sostanzialmente inamovibile, perennemente uguale a se stesso, con pochissima innovazione.

Possibile che, guardando a come si muove il mondo, questo sistema non possa evolvere? Perché la capacità creativa e innovativa di un educatore-imprenditore come lei non contagia anche le menti del settore pubblico?

Anche i ragazzi e le ragazze con autismo a basso funzionamento (e con disabilità complesse) meritano uno sguardo diverso, una visione che rompa gli schemi delle classi SIDI e dei fascicoli FASAS, un coraggio di sperimentare che scongiuri il pericolo di cadere nel custodialismo.

Che ne dice, caro Nico Acampora, glielo diciamo alla classe politica e dirigente? Glielo diciamo che, se per i giovani con autismo a medio-alto funzionamento c'è bisogno di cento, mille PizzAut (o altre, auspicabili iniziative analoghe), per i giovani a basso funzionamento c'è bisogno di uno sforzo creativo altrettanto grande, se non addirittura di più? E che noi genitori e familiari magari possiamo dire la nostra"?

*Maurizio Ferrari è il papà di Martina, una giovane donna con autismo a basso funzionamento

Vita.it 

'In frigo veritas', un laboratorio
Un corso per operatori della montagna
Golf, risultati di un’esperienza
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy