Quattro ragazzi “re del Brenta”

Quattro-ragazzi-re-del-Brenta

 Augusto, 13 anni, diabetico, arriva trionfante su Cima Brenta, regina del gruppo dolomitico. Altri due adolescenti, entrambi Pietro ed entrambi autistici, assieme ad Alessandro, 10 anni affetto da sindrome di Down, altrettanto trionfanti raggiungono il Rifugio Tuckett.

Con loro, ad accompagnarli, la guida alpina Simone Elmi , formata dal corso "Accedere al Sublime" dedicato proprio all'accompagnamento di disabili in montagna, e un'ospite d'eccezione, l'alpinista Tamara Lunger.

Una giornata davvero speciale, per una manifestazione - Cima Brenta Open - che ha fatto rivivere lo spirito dello scorso anno su Cima Sella, quando per la prima volta, l'idea di rendere la montagna fruibile anche ad un pubblico che normalmente non si immagina sulle vette dolomitiche, si è concretizzata. Una salita di passi e rocce, sudore e muscoli caldi, mani che si stringono, ma anche una salita simbolica: proprio Tamara Lunger che pochi mesi fa ha sfiorato la vetta del Nanga Parbat e l'ha lasciata andare senza calpestarne il suolo, riconoscendo che il suo fisico non ce la faceva più, si è prestata ad un evento che parla di limiti compresi e superati, e altri ancora da affrontare. L'alpinista ha accompagnato per mano, a turno, tutti i ragazzi che con entusiasmo hanno affrontato la sfida non contro un tempo o un'altitudine, ma con le proprie capacità.

A siglare un momento emozionante per gli alpinisti giunti sulle vette le note dell'Inno alla Gioia di Beethoven che hanno risuonato nella vallata interpretate da due musicisti da una vetta all'altra, fra Sella e Brenta: frasi alterne che si sono mescolate nell'aria tersa in una melodia giunta fino ai compagni di viaggio saliti al Tuckett.

Una montagna "Open" alle possibilità di fruizione ognuno secondo le proprie possibilità, open all'adrenalina di un ostacolo superato e alla gioia infantile che ne deriva, non certo un incoraggiamento a rendere le vette luoghi dove si arriva comunque, al di là di preparazione fisica e mentale: questo il senso di un evento che ha lasciato spazio anche alla riflessione nel dibattito al Rifugio Tuckett al quale hanno partecipato Tamara Lunger, Simone Elmi, il giornalista Rosario Fichera, Alberto Benchimol e Giulia Voltolini che si occupano di sport per disabili e Cesare Micheletti di Dolomiti Unesco.

Denise Rocca

https://www.ladige.it/territori/giudicarie-rendena/2016/08/10/quattro-ragazzi-re-brenta-barba-diabete-autismo-sindrome

Disabili sulle barche delle cosche
Destiny, un crudo film cinese
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy