Rugby, un’esperienza matura a Roma

rugby

Con la fine del mese di giugno è iniziata la pausa estiva per i bambini con autismo tra i 6 e i 12 anni di età, inseriti nel "Progetto rugby" coordinato da Primavera Rugby e avviato ormai da cinque anni su iniziativa della stessa associazione sportiva, dell'Associazione di volontariato Una breccia nel muro e dell'Associazione L'emozione non ha voce, con la collaborazione dell'Associazione So.R.Te.

La fine della stagione è stata anche un'occasione per una pizza comune, alla quale hanno partecipato oltre 60 persone tra bambini, genitori e volontari: una bellissima serata estiva per festeggiare quasi nove mesi di attività, ma anche per scambiare idee e riflessioni rivolte al futuro.

Prossimo avvio degli allenamenti dopo l'estate, con appuntamento fisso il sabato pomeriggio sui campi sportivi Centro di servizi Sapienza Sport di Roma; ad accogliere i bambini ci saranno i volontari della Primavera Rugby e dell'Associazione So.R.Te: un gruppo di ragazzi fantastici, che hanno costruito con i bambini un rapporto meraviglioso. L'allenamento consiste in una serie di attività fisiche ispirate al rugby, via via adattate alle esigenze dei partecipanti e alla loro crescita sportiva. Alla fine bambini e volontari si riuniscono in cerchio per un saluto corale finale.

L'organizzazione è ridotta all'essenziale: i contatti avvengono tramite WatsApp; i bambini (dopo un periodo di prova finalizzato a capire se sono effettivamente interessati) si iscrivono alla Primavera Rugby e ne diventano quindi soci. Sul campo operano con i bambini i volontari (generalmente uno per ogni bambino), che forniscono la loro collaborazione a titolo assolutamente gratuito. Fuori dal campo di allenamento i genitori approfittano di questa occasione settimanale per scambiarsi esperienze, informazioni e per passare un'ora in compagnia.

Il progetto ha conosciuto in quest'ultimo anno una crescita imprevista: a fine stagione i bambini presenti sul campo ogni sabato erano una ventina: un numero doppio rispetto all'anno precedente (gli iscritti sono quasi trenta): già questo è un indicatore evidente dell'interesse dei bambini per l'appuntamento settimanale, interesse confermato ampiamente dai genitori. Anche il numero di volontari presenti sul campo è aumentato, consentendo di mantenere il rapporto ottimale tra volontari e bambini e anche questo è un aspetto particolarmente significativo dell'esperienza.

In occasione dell'incontro conviviale di fine anno abbiamo riflettuto sul significato dell'esperienza e sull'impatto che ha innanzi tutto sui bambini, ma anche sulle famiglie e sui volontari; ne è nata l'idea di una rilevazione sistematica che da un lato dia conto dei risultati che si vedono e si percepiscono e dall'altro sia un'occasione di riscontro e di riflessione sul ruolo che esperienze come questa possono avere per la crescita fisica ed emotiva dei bambini. Una vera e propria attività di ricerca, quindi, da affiancare a quelle legate al ruolo delle terapie, e (sarebbe auspicabile) alla esperienza scolastica, confidando sulla possibilità di reperire le risorse umane e finanziarie necessarie e contando sempre sul volontariato, la nostra risorsa principale.

Nereo Bortot, socio dell'Associazione di volontariato Una breccia nel muro - ODV 

Portale online con mappa dei servizi
“Sono autistico ma posso lavorare". Mirko, 18 anni
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy