"Taci ritardato". E’ gran polemica

Taci-ritardato

 Un ragazzo autistico è stato pesantemente deriso ed insultato dall'autista di un bus, solamente perché gli aveva chiesto informazioni. Il fatto è successo a Leigh (Greater Manchester). In Inghilterra l'episodio è diventato un caso mediatico dopo la denuncia della madre.

Un ragazzino autistico è stato insultato e deriso dall'autista di un bus, per il solo fatto di averlo "disturbato" per chiedergli alcune indicazioni. Il fatto, accaduto in Inghilterra, non ha mancato di scatenare una feroce polemica da parte dei genitori del giovane, subito spalleggiati dalle associazioni per la lotta all'autismo.

A denunciare l'episodio è stata la madre del ragazzino, Liz Dixon (36), la quale ha spiegato che tutto è partito dalla richiesta fatta all'autista da suo figlio Liam (11) di spiegazioni riguardo all'ubicazione esatta della fermata. "Liam ha detto che quando ha chiesto a quell'uomo dove fosse la fermata, lui gli ha riso in faccia rispondendogli 'alla fermata'".

"Questo credo abbia disorientato molto mio figlio, e l'autista ha continuato a ridergli in faccia chiamandolo ritardato". Liz era sull'autobus insieme a Liam e a due suoi nipotini quando l'episodio è avvenuto, e ha spiegato di avere mantenuto la calma, andando dall'autista dell'autobus per guardarlo in faccia e chiedergli se davvero aveva avuto il coraggio di chiamare suo figlio "ritardato" perché non aveva compreso l'infelice battuta.

"A quel punto lui mi ha riso in faccia e mi ha risposto 'Sì, certo che l'ho fatto'. Gli ho chiesto cosa gli desse il diritto di dire cose del genere ad un ragazzino, ma sembrava che non gliene fregasse davvero nulla" ha spiegato con amarezza la donna.

La First Manchester, azienda responsabile del servizio di trasporto pubblico, ha subito aperto un'inchiesta sull'accaduto dopo la denuncia della madre, e le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso presenti sul mezzo di trasporto stanno venendo esaminate per ricostruire esattamente l'accaduto.

Nel frattempo l'Operations Manager Hardik Modha ha commentato la vicenda spiegando: "Questo tipo di linguaggio è completamente inaccettabile per me e per il team della First Manchester. Ho già parlato con la signora Dixon, esprimendole le mie le mie preoccupazioni e rassicurandola sul fatto che un indagine è già stata lanciata per fare chiarezza".

Filippo Di Stefano

http://news.fidelityhouse.eu/

Solidarietà piccante, sesta edizione
Un opuscolo per farci conoscere
Golf, risultati di un’esperienza
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy