Una mamma e una casa virtuale

Nella-casa-di-Dorothy

L'hanno chiamata "Nella casa di Dorothy" perché proprio come il leone che cerca il coraggio, lo spaventapasseri che anela all'intelligenza e l'uomo di latta che desidera un cuore, anche i genitori di figli autistici hanno bisogno di tutte queste doti per affrontare le difficoltà quotidiane. Ne parla Tiziana Valsecchi.

Adesso è una realtà virtuale, con numeri di telefono collegati tra loro a formare una chat WhatsApp, ma il sogno è che diventi presto un'associazione riconosciuta di genitori e famigliari e, con una proiezione nel futuro, che getti le basi per una struttura di accoglienza per il "dopo di noi".

A dare vita a questa iniziativa è stata Tiziana Valsecchi, mamma di una bimba autistica. "Quando ho avuto la diagnosi di autismo ho provato un profondo senso di solitudine" ha raccontato "non tanto dal punto di vista sanitario perché alla Nostra Famiglia di Bosisio Parini ho trovato personale qualificato e di una umanità squisita, quanto come mamma catapultata in un universo sconosciuto e con un carico pesante da affrontare. Da quel momento ho promesso a me stessa che nessuno avrebbe più dovuto provare il senso di solitudine che ho sentito io". Il primo passo è stato quello di raccontare la sua storia alla rivista New Entry e da lì avviare un dialogo con altre famiglie di ragazzi autistici. Da cosa nasce cosa e pian piano il gruppo si è allargato e non ha confini territoriali, tanto che vi parte famiglie meratesi, bergamasche,... "L'autismo è una delle patologie infantili più gravi e il nostro parlare e stare assieme vuole essere un modo per scaricare il bagaglio emotivo che ciascuno si porta dentro" ha proseguito Tiziana "dopo il primo avvio virtuale, siamo passati anche alla fase della conoscenza di persona e ci troviamo per un caffè, una pizza per scambiarci esperienze e anche solo per parlare di noi, delle nostre famiglie, non necessariamente sempre di autismo. Si è creato un legame di amicizia. Adesso in collaborazione con il comune di Brembate sopra stiamo organizzando delle serate a tema con degli esperti mentre in autunno ci sarà un evento in piazza dal titolo "I nostri sogni sono in cielo, guarda i palloncini". Lanceremo in aria palloncini blu, che è il colore dell'autismo, con una cartolina e i sogni dei nostri figli. Sarà un modo per sensibilizzare sul tema dell'autismo e raggruppare altre persone per condividere con noi questo cammino".

Chi volesse mettersi in contatto con la chat "La casa di Dorothy" può farlo al numero 329/9805488.

merateOnline 

"Aiutatemi a trovare un amico"
La forza dei cartoni animati
Io, mia figlia e lo sport
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy