Golf, risultati di un’esperienza

dicembre-2020-articolo-3

L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati alla relazione tra sport e benessere psicofisico dei bambini con autismo, ma le esperienze documentate sono relativamente poche. Sul gioco del golf a Roma da parte di bambini con autismo abbiamo condotto una ricerca sistematica per valutare l'utilità di integrare un'attività sportiva in una terapia riabilitativa.

Il campione preso in esame è composto da cinque bambini, tre maschi e due femmine. Età compresa tra i 7 e i 13 anni. Quattro di loro hanno una diagnosi di disturbo dello spettro autistico, uno di disturbo generalizzato dello sviluppo non altrimenti specificato. Due presentano comorbilità: un disturbo specifico di apprendimento e una disabilità intellettiva di grado lieve. Tutti svolgono, o hanno svolto, un trattamento ABA, analisi del comportamento applicata; alcuni anche psicomotricità, logopedia e interventi di comunicazione aumentativa alternativa.

Nel momento in cui l'esperienza è iniziata è stato chiesto ai genitori di compilare una scheda di presa dati clinici e sportivi dei bambini, assegnando ai singoli aspetti considerati un punteggio da 1 a 5 in base al grado di accordo. Sono stati proposti anche due questionari: il primo sul profilo di sviluppo del bambino, su punti di forza e debolezza, attività gradite, abilità, autonomie, verbalità eccetera; il secondo sulla terapia svolta.
I dati raccolti hanno costituito la baseline.

Sul campo è stato utilizzato il "Kit Snag Golf", con mazze in plastica semplici da utilizzare. Le lezioni si sono svolte in rapporto uno a uno con l'istruttore, in un ambiente spettacolare a ridosso dell'acquedotto Claudio. Nelle prime sessioni il bambino ha preso confidenza con la nuova attività e imparato i colpi più semplici. Via via ha imparato colpi più complessi. Sono state organizzate piccole gare anche con bambini a sviluppo normotipico che spesso si fermavano ad assistere alle lezioni.

Al termine della sperimentazione, durata un anno, è stato riproposto ai genitori il questionario iniziale per verificare se vi fossero stati miglioramenti nei bambini. I valori calcolati per ogni aspetto considerato sono stati confrontati con quelli ottenuti inizialmente. Ecco i risultati.

A seguito dell'intervento sportivo tutti i bambini hanno avuto miglioramenti significativi. Hanno ridotto e in qualche caso estinto i comportamenti di fuga, sia sul campo da golf sia fuori; i genitori hanno riferito una maggiore collaborazione e attenzione dei bambini anche nello svolgimento delle attività casalinghe. L'attività fisica li ha aiutati ad acquisire maggiore consapevolezza del proprio corpo, di per sé e nell'ambiente. Le stereotipie si sono attenuate. Grazie alle gare organizzate durante le lezioni è migliorata la capacità di relazione.

È stato valutato anche il grado di soddisfazione dei genitori riguardo al progetto, risultato aumentato al termine dell'esperienza.

Ecco le parole di una mamma: "Trovo il progetto che mio figlio ha la fortuna di seguire a dir poco eccezionale. È migliorato tantissimo nell'apprendimento delle tecniche del golf e i legami fra le famiglie e gli altri bambini sono diventati belli e profondi. Ho solo parole di ammirazione ed encomio per gli insegnanti: sia per i professionisti che per i volontari. Il contesto di gioco è unico al mondo. Un luogo spettacolare. Impiego molti chilometri per raggiungerlo la domenica, ma mille volte meglio delle giornate trascorse a casa in attività per niente utili e creative per mio figlio."

Alessandra Altamura, laureata in terapia della neuro e psicomotricità e volontaria dell'Associazione di volontariato "Una breccia nel muro – ODV"

Marco Esposito, psicologo e ricercatore, collaboratore dell'Associazione di volontariato "Una breccia nel muro – ODV"

Piscine chiuse, un duro impatto
Non tutto viene per nuocere
Golf, risultati di un’esperienza
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy e Cookie Policy