'In frigo veritas', un laboratorio

In-frigo-veritas

Si chiama "In frigo veritas" il progetto presentato a Sesto Fiorentino che vuole aiutare ragazzi e ragazze con autismo o disabilità a diventare autonomi professionalmente realizzando calamite per frigoriferi e spillette. Il laboratorio consentirà a un gruppo iniziale di dieci ragazze e ragazzi, suddivisi in due gruppi di lavoro, di poter intraprendere un percorso di crescita tramite un impiego lavorativo.

Ideato dalla cooperativa Convoi e della cooperativa Allenamente insieme alle società della salute Firenze Nord Ovest "In frigo veritas" permetterà l'inserimento lavorativo.

"E' un progetto virtuoso, originale e di ampi orizzonti" - così la ha definito l'assessora regionale Spinelli. "La peculiarità del progetto "In frigo veritas" è di mettersi completamente al servizio dei bisogni e delle capacità dei ragazzi e delle ragazze con disabilità, grazie a un ambiente e a delle macchine di lavorazione che sono pensati per adattarsi alle loro capacità. E l'altro aspetto centrale è che tutto questo si va a concretizzare in una produzione vera e propria, che vuole avere la capacità di stare sul mercato. I ragazzi e le ragazze che lavoreranno qui potranno quindi avere un'importante opportunità, diventando artefici del proprio progetto di vita, a partire da quello che sanno e possono fare. Auspichiamo davvero che questa attività possa crescere e che questo modello possa essere condiviso da altre realtà e possa attecchire anche in altri ambiti".

I ragazzi metteranno in produzione calamite e spillette per chiunque, dai cittadini privati che vogliono farsi un regalo alle aziende che vogliono promuovere gadget interni, fino agli uffici turistici che avranno calamite che raf­figureranno i monumenti storici di Firenze.

"In frigo veritas" insieme a quello di Sesto è già in procinto di avviare un laboratorio anche a Castagneto Carducci (con la collaborazione della società della salute Valli Etrusche e del Comune) e a Firenze. I due laboratori complessivamente coinvolgeranno 20 ragazzi e ragazze, e ciascun sito di lavorazione sarà dotato di macchinari ed attrezzature appositamente studiati, per facilità e sicurezza di impiego, per la tipologia di disabilità.

"Il luogo di lavoro - hanno spiegato i responsabili del progetto - si adatterà ai lavoratori, e non viceversa come avviene di solito nelle aziende". Ecco perché, gli spazi del laboratorio sono realizzati seguendo i principi della comunicazione aumentativa, dalle strisce gialle per terra che aiuteranno i ragazzi e le ragazze ad accedere agli spogliatoi, fino ai colori con cui sono contrassegnate le tute da lavoro e le postazioni dedicate alle singole fasi della lavorazione.

055Firenze.it 

Diagnosi prima dei due anni e mezzo
PizzAut. E il basso funzionamento?
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy