Editoriale: Intervista a Il Tulipano Art Friendly

Intervista-a-Il-Tulipano-Art-Friendly

Marco Esposito*

Tulipano Art Friendly: Servizi e attività per l'accessibilità e la fruizione di musei e luoghi della cultura per e con persone con autismo. Intervista a Giovanni Minucci, presidente della Cooperativa "Il tulipano"

Presidente, come nasce la cooperativa?

Il Tulipano è una cooperativa sociale di tipo A e B; nasce nel 2007 per creare uno

strumento di lavoro adeguato alle normative vigenti e per offrire servizi alle persone con autismo e Asperger e alle loro famiglie, attraverso progetti finalizzati all'autonomia e alla valorizzazione della persona. Realizza le proprie attività e l'offerta di servizi presso le sedi di Napoli, Marano di Napoli, Agropoli e Paestum. Collabora con le associazioni di genitori ANGSA Campania, ANGSA Napoli Nord, Famiglie in rete Napoli, Cilento4all aps.

Quali sono le attività principali della cooperativa?

"Casa blu", gruppo-appartamento per giovani adulti a Marano di Napoli; Centro famiglie Cilento4all ad Agropoli – Paestum; "Progetti di vita" per adolescenti e giovani adulti, sostenuti dal budget di salute; progetti di inserimento lavorativo in attività di agricoltura sociale per adulti con autismo e/o disabilità cognitiva; servizi per il turismo accessibile presso l'area dell'Alto Cilento; produzione di kit didattici per la fruizione dei musei; servizi autism-friendly e attività di sollievo per le vacanze e il tempo libero, rivolti a famiglie e associazioni di genitori; servizio di trasporto sociale per persone a ridotta mobilità (con accreditamento della Regione Campania); servizi di fruizione museale per famiglie, scuole e associazioni con bambini e ragazzi con autismo e/o disabilità cognitiva presso i musei della rete Tulipano Art Friendly (www.tulipanoart.org).

Dove è nata l'idea di offrire servizi di accessibilità a musei e aree archeologiche per

ragazzi con autismo?

Tulipano Art Friendly, oggi impresa culturale, nasce dal lavoro di co-progettazione con il comitato scientifico dell'iniziativa, le associazioni di familiari e gli stessi ragazzi, coinvolti nel lavoro di produzione dei kit didattici e di programmazione dei percorsi. L'iniziativa ha come obiettivo primario l'adozione di un modello di accoglienza e fruizione museale, validato scientificamente, finalizzato a proporre occasioni di apprendimento e benessere per le persone con autismo e per i loro accompagnatori. Sul sito sono elencate le pubblicazioni scientifiche realizzate finora e i convegni ai quali abbiamo partecipato.

Il modello è stato validato come proposta educativa inclusiva anche per ragazzi a sviluppo tipico. L'intenzione è, infatti, quella di realizzare percorsi inclusivi per tutti; di condividere un modello di conoscenza dell'arte che prende le mosse dalla percezione delle persone con bisogni speciali, dalle loro emozioni vissute unitamente ai familiari, ai compagni di classe e amici in visita al museo o al sito archeologico. Si tratta, quindi, di un vero e proprio laboratorio delle emozioni, dove l'accessibilità e la fruizione sono intese come possibilità di vivere il museo come luogo di apprendimento e di scoperta di nuovi stimoli correlati ai tempi, motivazioni e capacità di attenzione di ciascuno. L'accessibilità, la fruibilità e l'inclusione, nell'ottica dei principi dell'universal design, sono i riferimenti per la progettazione didattica del modello "Tulipano Art Friendly" al quale aderiscono i musei della Regione Campania (www.tulipanoart.org).

Può dirci quali musei i nostri ragazzi potrebbero visitare attraverso questo progetto?

Certamente; ecco i principali: Museo e parco di Capodimonte; MADRE, Museo d'arte contemporanea Donnaregina; Museo Cappella Sansevero; Real sito di Carditello; Museo e parco archeologico di Paestum e Velia; Museo Il Cartastorie; Museo archeologico di Eboli; Direzione regionale musei Campania; Certosa e Museo di San Martino; Parco archeologico di Pompei.

Quali sono le collaborazioni scientifiche alle quali ha accennato?

Eccole: Dipartimento di Scienze mediche traslazionali - Università Federico II di Napoli; Dipartimento di Architettura - Università Federico II di Napoli; Dipartimento di Scienze motorie e del benessere – Università Parthenope di Napoli; Dipartimento di Psicologia – Università degli studi della Campania "Luigi Vanvitelli"; Istituto di Tecnologie biomediche – Consiglio nazionale delle ricerche.

Le attività di Tulipano Art Friendly sono patrocinate dell'associazione ANGSA (Associazione Nazionale Genitori perSone con Autismi). Il Tulipano cooperativa sociale è membro di Charter European Cultural Heritage Skills Alleanz, di ICOM Italia e di Gruppo ITRIA (Itinerari Turistico Religiosi Interculturali Accessibili).

Quali sono gli strumenti operativi e professionali risultati vincenti?

Il modello Tulipano Art Friendly utilizza strumenti finalizzati alla progettazione e

strutturazione di percorsi museali ispirati ai principi dell'Universal design; agende visive, APP digitali, sistemi di wayfinding rendono accessibile l'ambiente museale e fruibili i relativi contenuti. Al gruppo di lavoro che progetta le iniziative partecipano educatori museali, storici dell'arte, pedagogisti, neuropsichiatri infantili, architetti e due giovani adulti con ASD ad alto funzionamento.

Come pensate di proseguire e migliorare la vostra attività?

Ci piace descrivere il nostro modello come un cantiere di scavo in continua evoluzione; siamo sempre disponibili a nuove collaborazioni per costruire altre proposte. Oggi, Tulipano Art Friendly è anche progetto di inserimento lavorativo per giovani adulti impegnati nelle fasi di progettazione e realizzazione dei percorsi.

Per ultimo, come ci si può iscrivere per partecipare a una delle vostre iniziative?

Le famiglie, i centri, le scuole possono partecipare, previa prenotazione, alle visite museali o di siti archeologici scegliendo il luogo sul sito www.tulipanoart.org. È anche possibile richiedere la realizzazione di laboratori e di percorsi formativi da parte delle scuole: cicli di incontri presso le rispettive sedi operative per progettare e realizzare insieme con gli alunni e gli insegnanti occasioni di visite a musei e siti archeologici.

Grazie per la sua disponibilità, complimenti e auguri per il futuro.

* Intervista realizzata da Marco Esposito, ricercatore presso l'Associazione di volontariato "Una breccia nel muro – ODV". 

Editoriale: Summer school presso il nostro Centro ...
Nuova sentenza a favore della terapia Aba
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy