Un progetto sulla teleriabilitazione

Un-progetto-sulla-teleriabilitazione

"Autismo e teleriabilitazione. Dall'emergenza Covid-19 alle nuove frontiere della riabilitazione a distanza per le persone con disturbi dello spettro autistico": si chiama così il progetto di ricerca promosso dalla Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone, per indagare le possibilità della teleriabilitazione anche al di là dell'emergenza Covid, monitorando l'andamento della presa in carico a distanza.

Il progetto di ricerca promosso dalla Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone, grazie al supporto del Fondo di Beneficenza Intesa SanPaolo, è un'iniziativa avviata per indagare le possibilità della teleriabilitazione anche al di là dell'emergenza Covid, monitorando l'andamento della presa in carico a distanza, il mantenimento delle abilità acquisite, l'emergere di eventuali criticità e la messa a punto delle relative soluzioni.

Sono più di trenta le famiglie coinvolte, insieme a un'équipe multidisciplinare composta da psicologi, educatori, logopedisti, neuropsichiatra e da un operatore multimediale che ha seguito e segue gli aspetti tecnici a supporto dei terapeuti e delle famiglie.
«In questi mesi – spiega Cinzia Raffin, presidente della Fondazione Bambini e Autismo – la pandemia ha generato stress e difficoltà sia al personale clinico che agli utenti e ai loro familiari, ma ha rappresentato anche un'incredibile opportunità di cambiamento e crescita. Sempre grazie al supporto di Intesa SanPaolo, stiamo ora anche riprogettando i nostri moduli qualità per la raccolta dei dati, informatizzando il più possibile il monitoraggio. Alcuni utenti hanno mostrato difficoltà nell'approccio alla teleriabilitazione, ma per molti altri, e in particolare per le persone autistiche attratte dalla tecnologia, le attività in remoto hanno rappresentato una novità piacevole in grado di destare nuovo interesse».

«Tra i punti di forza della teleriabilitazione e dei suoi sviluppi futuri – prosegue Raffin -, vi è la possibilità di offrire un servizio di qualità anche a famiglie che abitano lontano dai centri o in zone scoperte dai servizi. L'emergenza ha dimostrato che si può fare, spingendo a trovare soluzioni creative e innovative nella gestione del rapporto terapeutico. Non ultima la progettazione degli interventi in remoto diretti agli assistiti, che richiedono tempi di preparazione più lunghi e maggiori costi rispetto a quelli in presenza, con la progettazione di materiali di supporto terapeutico da inviare in via telematica prima delle sedute, o Parent Training intensivi, finalizzati al potenziamento delle risorse educative dei familiari, o il coinvolgimento costante del tecnico informatico per la sorveglianza sul funzionamento delle tecnologie».

Il progetto della Fondazione pordenonese si concluderà nel prossimo mese di luglio, con l'elaborazione dei dati raccolti, la misura della soddisfazione dei partecipanti e del personale coinvolto e la sintesi dell'intera esperienza, con l'auspicio che essa possa essere replicata anche altrove. (S.B.)

Superando.it 

Ragazzi costretti a lasciare i tavolini di un bar
La testimonianza della mamma di Ilyes
Non tutto viene per nuocere
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
"Quando è stato dichiarato il lockdown a marzo ho avuto paura di non poter continuare a perseguire quegli obiettivi e quei traguardi che mio figlio raggiungeva facendo terapia in presenza, ma poi mi è...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
L'attività sportiva nei disturbi dello spettro autistico ha un grande potere educativo, in quanto promuove il rispetto per l'altro e limita l'emarginazione. Diversi ricercatori si sono interessati all...
Articoli in evidenza
Dicembre 2020
Padova. Alla base di questa storia ci sono due meravigliosi ingredienti: la passione sfrenata per lo sport e l'amore incondizionato per una figlia coinvolta nell'autismo. Sono quelli che hanno portato...

Sede di Roma

Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma
Telefono: 06 95948586
Fax: 06 89877233
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede di Salerno

Via Picenza, snc 
84132 Salerno
Telefono: 089 2852188/06 95948586 
Fax: 089 2853377 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright

Tutti i diritti riservati ©
Una breccia nel muro
C.F. 11605511002
Privacy Policy | Cookie Policy